La scrittrice Silvia Avallone alla LUC

Aggiornato a:
18 Febbraio 2021

Venerdì 19 febbraio alle 17,30 sul sito della Libera Università Crostolo andrà in onda (in diretta streaming) l’incontro con la scrittrice Silvia Avallone in dialogo con Annamaria Tagliavini su “Le parole dell’amicizia”. Sarà un itinerario di lettura nei romanzi della scrittrice, partendo dall’ultimo “Un’amicizia”, appena pubblicato da Rizzoli, e ripercorrendo a ritroso la sua produzione, “Da dove la vita è perfetta”, “Marina Bellezza” e “Acciaio”, il primo romanzo che le ha decretato uno straordinario successo, vincitore del Campiello, del premio Flaiano, secondo allo Strega, un film in Italia, un’azione teatrale in Francia, tradotto in tutto il mondo, come anche gli altri suoi romanzi.

L’amicizia è una delle tematiche che legano i suoi romanzi, l’amicizia colta in tutte le sue sfumature: affetto, amore, complicità, litigio, incomprensione, riappacificazione, cambiamento e si intreccia con altri temi come la vita di provincia – la Piombino di “Acciaio”, le vallate del Biellese di “Marina Bellezza”, le periferie arrabbiate e difficili della città di Bologna-; e poi lo studio come riscatto sociale, il potere liberatorio della scrittura, capace di far rivivere ciò che non esiste più e di ricreare mondi; e sullo sfondo, la società, che via via sale in primo piano, come nel suo ultimo romanzo “Un’amicizia”, una storia che ci fa compiere due viaggi: quello all’interno di un rapporto di affetto e di amicizia tra Elisa, l’io narrante e Beatrice, e quello attraverso un ventennio che ha visto la tecnologia progredire ed evolversi in maniera sempre più rapida, cambiando le nostre vite.


Nata a Biella, Silvia Avallone si è formata a Bologna dove ha studiato Filosofia e si è specializzata in Filologia moderna con una tesi su “La storia” di Elsa Morante. Vive a Bologna. Autrice anche di poesie,“ Il libro dei vent’anni” ha vinto il Premio Gatto. Dopo “Acciaio”, il romanzo più famoso, ha pubblicato “Marina Bellezza”, “Da dove la vita è perfetta” e, recentemente, “Un’amicizia”. Nel 2019 le è stata conferita nell’Aula Magna dell’Università di Bologna la Medaglia Petrarca per le Arts and Humanities per essersi distinta in ambito letterario in qualità di ex alumna dell’Università di Bologna. Collabora anche con “Il Corriere della Sera”, “La Lettura” e “7”.


Annamaria Tagliavini, nata a Reggio Emilia si è formata a Bologna dove vive con la famiglia. Saggista, da sempre impegnata nel campo dell’informazione e della documentazione di genere, è stata per venticinque anni direttrice della Biblioteca Italiana delle Donne di Bologna.


L’incontro è ad accesso libero dal sito www.liberauniversitacrostolo.it/

Argomenti

×