Hiv. Ecco il calendario dei ragazzi sieropositivi per contrastarle lo stigma

“Voglio dirti una cosa: io ho l’HIV”, è il grido liberatorio che campeggia sulla copertina del calendario, promosso dalla fondazione Penta Onlus di Padova. Ogni mese è accompagnato da una frase per comunicare, in particolare, che chi  sieropositivo “ha il diritto di sentirsi considerata persona e non soggetto da evitare”.

Ecco il Calendario

“Voglio dirti una cosa: io ho l’HIV” è il titolo del Calendario 2017 realizzato dai ragazzi sieropositivi di diverse città italiane, grazie al contributo del Pediatric European Network for Treatment of Aids e con il patrocinio morale del Policlinico Federico II di Napoli, del Dipartimento di Salute della Donna e del Bambino della Clinica Pediatrica di Padova, dell’Associazione Arcobaleno AIDS Onlus di Torino, dell’Associazione Essere Bambino di Brescia, dell’Associazione Polo Positivo Onlus di Cagliari, dell’Ospedale Luigi Sacco di Milano e del Centro Aurora contro l’AIDS pediatrico di Bologna.

“Il progetto del Calendario nasce da un lungo lavoro che da anni associazioni, ospedali e università portano avanti, insieme ai ragazzi con infezione da HIV. Attraverso il Calendario i ragazzi intendono informare la società dello stato attuale dell’HIV, ma soprattutto vogliono far conoscere il proprio vissuto e il desiderio di superare i pregiudizi che, grazie a un’informazione corretta, non hanno più ragione d’essere”, sottolinea Isabella Continisio, psicologa e psicoterapeuta del Centro di Riferimento Regionale dell’HIV Pediatrico dell’Azienda e responsabile del progetto insieme a Chiara Novello, Educatrice sociale e Counsellor presso l’Unità di malattie infettive del Dipartimento per la salute della donna e del Bambino dell’Università di Padova.

Le  immagini e i disegni del calendario testimoniano il desiderio di normalità dei ragazzi che combattono una battaglia senza sosta contro il virus dell’HIV ma anche contro i pregiudizi e le paure delle persone nei confronti di chi è affetto dalla patologia.“Aiutami ad uscire dall’ombra e a lasciare che io ti racconti la mia storia”, “Per un sieropositivo, vivere nella segretezza è come vivere da supereroe. E io non lo sono”, “Non mi spaventa prendere la terapia, ma dovermi nascondere dalla paura e dall’ignoranza”, “Sono sieropositivo e voglio dirti che…mio figlio nascerà e crescerà sano. Potrò anche io costruire una famiglia come chiunque altro”, sono alcune delle frasi che esprimono i sentimenti dei ragazzi sieropositivi che hanno lavorato alla realizzazione del calendario.

“Il nostro obiettivo primario – sottolineano, in una nota, i ragazzi autori del calendario – è informare e sensibilizzare la società sulla tematica dell’HIV, in particolar modo gli adolescenti. Da anni, noi ragazzi sieropositivi ci impegniamo affinché possa arrivare un messaggio sano all’esterno. Quest’anno abbiamo deciso di farlo con un calendario che è il frutto di un nostro lungo e intenso lavoro nato dall’esigenza di comunicare che essere sieropositivi non vuol dire essere diversi ma semplicemente convivere con qualcosa in più. Vivere da sieropositivo è sicuramente impegnativo e comporta l’assunzione quotidiana di farmaci antiretrovirali per tutta la vita, ma questo non ci impedisce di vivere una vita piena e normale”.

 

E tu? Hai mai fatto il test HIV?

Ti informiamo che a Reggio Emilia è possibile fare il test in modo anonimo: vedi qui

 

 

 

 

 

ShareShare on Facebook117Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Google+0Email this to someone

Leave A Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked (required):

*

Video

Apertura al pubblico

– lunedì 10:00-13:00 e 14:30-18:00
– martedì 14:30-18:00
– mercoledì 14:30-18:00
– giovedì 14:30-18:00
– venerdì 10:00-13:00

Dove siamo

Contatti

via Palazzolo 2,
42124 Reggio Emilia

scrivi@portalegiovani.eu
0522/585217 - 0522/585033

Privacy

Back to Top